Roma, 16 Luglio 2002

 

MARIO CIPOLLINI SFILA CON I SUOI COLLEGHI PER LE STRADE DI ROMA

 

Il Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione, Invita il Campione Mario Cipollini e tutti i suoi colleghi ciclisti di tutte le società sponsor, di promuovere una manifestazione sportiva, nella città di Roma con il proprio mezzo sportivo, percorrendo alcune vie della città, con una andatura di circa 40 km. orari, onde evitare ingorghi stradali, la cui conclusione, avverrà in via Cropani a Roma, Sede del Partito Italiano Nuova Generazione, la giusta Sede, dove discutere e realizzare i problemi degli atleti del ciclismo mondiale e di tutte le discipline sportive in difficoltà. La data della manifestazione sarà stabilita dai ciclisti ,compatibilmente con i propri impegni sportivi .

Il presidente, resta in attesa di comunicare la data di tale manifestazione, alle Autorità competenti.

 

Lo scrivente è Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

Egregio Mario Cipollini, essendo il sottoscritto un ciclista sessantenne e ancora in forze per andare in bicicletta, e quindi in armi per disputare qualche sprint, pertanto, auto classificandomi un collega ciclista, per motivi di affinità sportiva, devo darti del tu, comunicandoti, che ho preceduto di un soffio la tua reazione politica, che ho ascoltato durante il telegiornale della seconda rete Rai, andato in onda in prima serata, il 15 Luglio 2002, tale medesima reattività è stata relazionata e inserita nel sito del Partito www.nuovagenerazioneroma.it il giorno 8 Giugno 2002, dal titolo “Anatomia Umana”, indirizzata a Maurizio Costanzo e S. E. Il Prefetto di Roma, e leggendo, ti accorgerai, che parliamo la stessa lingua, quindi, ti aspetto a Roma, con tutti i tuoi colleghi, in sella del vostro motore, con la cortesia di comunicarmi, dove e quando posso venirvi incontro con la mia bici, prima di arrivare in Via Cropani; meta della manifestazione. In questa simbolica competizione desidero esserci anch’io, considerando che ho sessant’anni e non essendo eccessivamente scarnito come voi ciclisti, ti prego, di preferire un punto di incontro, vicino al traguardo.

Concludo, sperando in una tua collaborazione, e vedrai che tutti insieme scaleremo questa altissima montagna.

Vi aspetto tutti in via Cropani, al vostro arrivo posso offrirvi un bicchiere d’ acqua e un panino con la mortadella.

 

Un grandissimo saluto a voi tutti.

 

                                                                                                                         Pietro Sabato

 

 

Torna all'indice