Roma, 29 Settembre 2016 ore 14,44

DA: Pietro Sabato

A: Dott. Giancarlo Leone

C.P.C.: Dott. Andrea Fabiano

Oggetto: Urge Prestito di 10.000,00 Euro

Carissimo Dott. Giancarlo Leone, in nome della nostra amicizia che ci lega dall’infanzia, che potremmo definirci amici di merenda, in quanto se ben ricordi, il sottoscritto ti rubava la merenda Presidenziale, costituita da panino con Culatello stagionato 30 mesi, però devi ammettere che non ti lasciavo digiuno, lo sostituivo con la mia ciriola proletaria, imbottita invece di mortadella d’asino. Quindi, spero non mi serberai rancore per questo scambio di merende. Vengo subito al problema: mi trovo in una situazione scabrosa, ed i miei parenti stretti sono tutti serpenti e nessuno mi vuole prestare 10.000,00 euro per sopperire al pagamento che devo al mio condominio. Pertanto, l’unico mio parente stretto rimasto, sei solo tu, e volendo potrei includere anche il Dott. Andra Fabiano, che essendo mio conterraneo per solidarietà dovrebbe aderire allo scopo. Quindi, la mia domanda con Proposta indecente è la seguente: nell’attesa che la Rai mi risarcisca i 400.000,00 mila Euro, potreste Voi tutti della Rai farmi un prestito di appena 10.000,00 mila euro da restituire subito dopo aver incassato i denari da Matrigna RAI?

Concludo, nell’attesa di ricevere Vostre buone notizie Vi saluto affettuosamente, carissimi miei Parenti Stretti, ovviamente passate parola anche agli amici, Amadeus, Carletto, il bevitore di bellini rosa, Fabrizio Frizzoli. E tutti quelli che mi conoscono.

Nota : Parenti Stretti non è ho… Come Faro? Potrebbe essere il titolo di una canzone di successo, che potrebbe musicare il cantautore Mogol. Quindi coinvolgere anche Massimo Giletti, passate parola…

Ciao Pietro

Roma, 1 Ottobre 2016 ore 21,10

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A : Direttore di Rai Uno Dott. Andrea Fabiano, E - mail diretta

C. P. C . : RAI UNO - Trasmissione reazione a catena, condotta da Amadeus, a mezzo E- mail Dott. Giancarlo Leone.

Oggetto: riferimento Menù della serata registrata, presumibilmente il 28 Agosto scorso, ma andata in onda il Primo Ottobre 2016, le opzioni della serata sono state le seguenti: avere naso fiuto…Mangiare la polvere e mangiare la foglia… Trono… Erede… Universale… Giudizio… Metro… Cubo… Potenza… Energia… Pulita… Piazza… ed infine la soluzione dell’intesa vincente è alquanto dubbia in quanto: Sacco… Presa … Aria…

La Pernacchia, con una congrua presa d’aria…

Carissimo Direttore, prima di commentare le opzioni di questa serata sebbene sia riferita ad una trasmissione andata in onda il 28 Agosto Scorso, debbo puntualizzare che appunto trattasi della trasmissione che mancava all’appello, della serie televisiva della trasmissione reazione a catena non andata in onda, che finalmente toglie ogni dubbio circa l’abbandono dei Signori Pisoli dalla trasmissione del 29 Agosto Scorso, dove come trasmesso durante questa serata, risultano essere stati sconfitti allo spareggio dagli Antonelli, cioè da: Arianna, Alessandro e da Gianluigi, vincitori della puntata, con la vincita di 6.000,00. Euro. Tale osservazione rilevata dallo scrivente, il 29 Agosto scorso, per l’immotivato ritiro dei concorrenti, i signori Pisoli, che come descritto nell’allegato, prelevato a pagina n. 29 della denuncia di 48 pagine, che avete appena ricevuto. Pertanto è inutile proseguire la spiegazione, l’allegato è abbastanza esaustivo, ed alla mia agenzia investigativa, come sempre, nulla può sfuggire.

Quindi tutto ciò, dimostra palesemente che tra il sottoscritto e la RAI c’è stata da circa tre anni questa collaborazione subliminale, che in modo inconfutabile ha dato creatività alla stessa trasmissione, grazie alla collaborazione quotidiana del sottoscritto. Quindi, spero che i Giudici tengano conto di questo episodio, prova tangibile di lavoro nero e neppure mai retribuito al povero Presidente Sottoscritto.

Di seguito l’allegato, diciamo epocale del 29 Agosto scorso…

Roma, 29 Agosto 2016 Ore 21,43

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: RAI UNO - Trasmissione reazione a catena, condotta da Amadeus, a mezzo E- mail Dott. Giancarlo Leone.

C. P. C. : Direttore di Rai Uno Dott. Andrea Fabiano, E - mail diretta

Oggetto: riferimento Menù della serata del 29 Agosto 2016: Pelle Dura… La Vince… Sport Estremo… Capo… Anno… Luce … Tunnel… Galleria… Vento… Alito… Pesante… Profondo… Acuto…

Titolo:

Carta vince… Carta perde… come i Magliari! Magia, Scambio di concorrenti in Reazione a Catena, in Onda su Rai Uno …

Carissimo Amadeus, posso sapere che fine hanno fatto i campioni in carica, cioè, i PISOLI, i famosi tre innamorati, Paolo, Tiziana e Cristian il Maresciallo dell’Aeronautica che tutti insieme hanno vinto la puntata del 28 Agosto 2016? Posso presumere che il Signor Cristian, il Maresciallo, abbia abbandonato la gara, per un improvviso attacco di gelosia nei confronti di Paolo, l’ Ex fidanzato della Sua stessa attuale fidanzata. Infatti, mi è sembrato strano concepire che tre siciliani, peraltro originari di Trapani, quindi dal sangue caliente, si siano trasformati caratterialmente in tranquilli e lungimiranti, Svedesi. Se i fatti sono questi, il giusto nome di rappresentanza per questi tre simpatici e bravi concorrenti, il più appropriato sarebbe: Il Club dei Cornuti, altro che Pisoli. Voglio solo sperare che non ci siano state coltellate di gelosia, ma sarei appagato se sapessi l’ effettiva verità, che invece secondo il sottoscritto quella più probabile è un'altra, cioè: carissimo Amadeus dopo questa fantastica versione, vorrei fare un beve riepilogo della serata del 28 Agosto scorso, che la RAI vorrebbe del tutto cancellare. Quindi, se non vado errato i Signori Pisoli in tre serate hanno vinto 89.000,00 euro, e durante la quarta serata, ripeto, quella del 28 AGOSTO hanno gareggiato contro le tre ragazze chiamate:” LE Come MAI” e la serata è stata vinta dai PISOLI, che hanno vinto per l’esattezza 1.040,00* euro, e tu stesso, carissimo Amadeus, ricorderai benissimo che ti sei congratulato con i vincitori, ricordando che appunto la loro vincita aveva superato i 90.000,00 euro. Domanda: non capisco, se hanno vinto la puntata, perché hanno abbandonato la gara? Infatti lo scenario della serata successiva, è totalmente cambiato, cioè, nella trasmissione del 29 Agosto 2016, i signori Pisoli i vincitori della serata precedente, non erano più in gara, spariti per magia. Infatti per fare chiarezza, le squadre che il 29 Agosto hanno gareggiato sono state: quella degli Antonelli, cioè, da Alessandro, Gianluigi e Arianna, che per magia senza mai aver gareggiato contro i Signori Pisoli, sono risultati i vincitori della serata precedente del 28 Agosto, e forzosamente da campioni, hanno giocato contro, i cosiddetti: TRE DI DENARI, cioè, Marco, Francesco e Michael, e questi ultimi al termine della intesa vincete hanno vinto la puntata del 29 Agosto. Sicuramente c’è stato un clamoroso imbroglio, perché gli Antonelli, cioè, gli intrusi, sono stati sicuramente ripescati da alcune trascorse trasmissioni, per sostituire i signori Pisoli, etc…. etc…il finale è descritto a pagina 30 della denuncia, del 19 Settembre 2016.

Quindi carissimo Amadeus, prima di concludere ho notato che nulla di buono promettono le opzioni di questa serata, del 1 ottobre 2016, ho avuto il sentore di una clamorosa presa in giro nei miei confronti, inizio dalla prima opzione: avere naso, fiuto, per gli affari, quindi, io rispondo che le mie variegate denunce non costituiscono affari per il sottoscritto, ma sono solamente dei fatti inconfutabili che richiedono giustizia.

Altro per quanto riguarda, mangiare la polvere vedremo alla fine, chi arriverà per ultimo al traguardo.

Altro, l’opzione, mangiare la foglia, questa è facilissima da commentare, perché sono tre anni che ci scambiamo messaggi subliminali ed ho sempre pensato al peggio, cioè che siete degli inconcludenti, al posto vostro avrei concluso da parecchio tempo la diatriba per evitare di essere preso in giro da un Maccarolo… Politico da Sempre... come il sottoscritto.

Altro, per quanto riguarda le opzioni: Trono… Erede… Universale… Giudizio… non mi vedo affatto in modo arrogante, seduto sul trono da Erede universale ed emanare su tutto e su tutti il mio giudizio, quindi, come di solito accade mi avete dato l’ingannatora, sostantivo dialettale putignanese, tradotto in italiano, significa che voi stessi mi date l’imput giusto per scatenare un ulteriore e primordiale sputtanamento. Quindi, eccomi a voi anima e corpo affermando che mi sono sempre identificato come una persona mite e democratica e mi dispiace profondamente per voi tutti, ma per la centesima volta mi devo ripetere informando, che più di una volta ho divulgato questa triste notizia, che la Giustizia Italiana composta da più di 9000 Giudici, da circa un secolo, si sono definiti autonomi, ma dal mese di ottobre del 2014 la cuccagna è finita, perché durante questo lungo periodo fai da te, quando i Signori Giudici la mattina si dovevano recare al lavoro, si chiedevano se andare o meno a lavorare, oppure approvare una nuova legge per aumentarsi autonomamente gli stipendi, ma questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, perchè il sottoscritto Pietro Sabato, da soldato semplice ha interrotto questo secolare scempio Feudale, ed è riuscito invece a fare il contrario, cioè, a far decurtare gli stipendi dei magistrati del 20% ed ho ammonito il tutto scrivendo il mio MOTTO PERSONALE: “ In democrazia non esiste la parola Autonomia, perché tutti dipendiamo da tutti.”

Quindi, carissimo Amadeus il sottoscritto non è sicuramente un despota.

Altro, ovviamente sosterrò con tutte le mie forze il mio Refendum, che oggi con altre rifiniture risulta essere del Presidente del Consiglio.

Quindi carissimo Amadeus e compagni, come potete constatare appena aprite bocca nell’intento di voler penalizzare il sottoscritto con delle futili vostre puerili illazioni, Vi piovono addosso sputtanamenti elevati alla massima potenza.

Quindi concludendo, spero che la vostra valutazione rivolta al sottoscritto, verta in altra direzione altamente positiva, sperando siate tutti d’accordo che il sottoscritto rappresenta la vera energia pulita che aleggia nel nostro martoriato Paese. Quindi i vostri messaggi altalenanti, al modo del bastone e la carota, non fanno più testo.

Altro, per quanto riguarda la soluzione vincente di questa serata registrata il 28 Agosto scorso, preferisco respirare l’aria buona delle mie parti, un sacco buona, grazie al sottoscritto, ora si respira aria di gelsomino.

Riflessione, è palesemente chiaro, che avete voluto celare questa trasmissione, per mandarla in onda nell’ultima serata, esattamente come si conviene mettere il puntale sull’albero di natale, meglio dire, la ciliegina sulla torta, ma secondo il mio parere è palesemente emersa la vostra arroganza, ed eleganza da magliari, concludendo la serie televisiva con una presa d’aria, cioè con una bella pernacchia, per non dare un’altra interpretazione più volgare. Con una Abrotellam!

Nonostante tutto, sono ancora permissivo, aspetterò vostre ulteriori notizie per altre 48 ore, e spero siano seriose.

Ciao Amadeus,

Pietro Sabato

Voce Narrante

Lupus in Fabula, ascoltate cos’ altro è accaduto il 2 Ottobre appena scorso durante il TG Uno delle Ore 20,00, non si poteva meglio di così concludere questa relazione.

Roma, 3 Ottobre 2016 ore 15,50

Ieri sera ho dimenticato di allegare questa relazione al Nostro Presidente del Consiglio, Dott. Matteo Renzi, per cui ho approfittato di aggiornare la relazione in allegato, che ritengo data l’originalità dei contenuti è degna di essere divulgata ai quattro venti.

Pietro Sabato

Roma, 2 Ottobre 2016 ore 22,20

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: CSM alla Cortese Attenzione del Presidente Della Repubblica Prof. Sergio Mattarella

A: Ministro della Giustizia Dott. Andrea Orlando e Mail diretta

C. P. C. : Presidente del Consiglio Dott. Matteo Renzi e Mail diretta

A: ANSA ed ai maggiori quotidiani Nazionali ed internazionali

C. P. C. : Trasmissione L’eredità alla cortese Attenzione del Dott. Fabrizio Frizzi e del Direttore, Dott. Andrea Fabiano. E mail diretta

Oggetto : lo sciopero dei Magistrati…

Egregio Signor Ministro, spero si ricorderà del sottoscritto, per cui questa serata durante il TG andato in onda su RAI UNO, ho ascoltato lo scempio pronunciato dal Giudice di Cassazione, Dott. Cosimo D’Arrigo, che chiedeva altro personale da assumere, ma mi chiedo: per colmare quali carenze?

Stando così i fatti, se Lei Signor Ministro mi dà la possibilità di avere fra le mani un gelato, e di trasmettere un video di circa venti minuti, ed una rete televisiva di grido, spiegherei io stesso al Signor Cosimo Giudice, come risolvere il problema delle nuove assunzioni. Se invece Lei, Signor Ministro desidera evitare questo ulteriore sputtanamento, Le ho confezionato un dialogo al modo ed alla moda, Troisi e Benigni, in: Non Ci resta che Piangere.

Scena N.1 Ministro Orlando si rivolge al Giudice di Cassazione, Dott. Cosimo:

Voi Giudici quanti Siete?

Il Cosimo Giudice Risponde: più di 9000.

Ministro: Che fate tutto il Giorno? Quanti fiorini guadagnate a fine mese? Quante cause arretrate ci sono negli scaffali delle Procure Italiane?

Cosimo Giudice, be be be, non so da dove cominciare, sono più di un milione.

Ministro, quante cause riuscite a definire in otto ore di Lavoro?

Cosimo: BE Be Be non so rispondere.

Ministro: Carissimo Cosimo Giudice, la risposta gliela do io, ho appurato che vi girate i pollici da mane a sera, quindi non riuscite a definire neppure una sola causa al giorno. Quindi se Lei unitamente ad i Suoi 9000 compagnucci di merenda, non chiudete definitivamente, cioè con senno Salomonico, almeno due cause al giorno, io Ministro Vi licenzio tutti in tronco, così come è previsto dalla Legge, per scarsissimo rendimento. Anzi, iniziando da oggi, Lei unitamente ai suoi colleghi fannulloni, non percepirete gli Stipendi a fine mese, se non mi dimostrerete di averli guadagnati. Poi domanda,perchè al mio amico Pietro Sabato, lo Sputtanatorper la causa condominiale gli ha dato torto, cornuto e mazziat, condannato pure a pagare mille euro di multa, sebbene avesse pienamente ragione? Come mai Lei unitamente al consiglio di altri cinque Giudici, non avete riscontrato la Truffa perpetrata a suo danno? Come mai non vi siete accorti che si trattava di una truffa conclamata? Secondo Voi, grandi Giudici di Fama e di esperienza, è tollerabile una Spesa di 40.000,00 euro per rifare la pavimentazione di due terrazzini condominiali di appena mq. 40 ? La cui spesa effettiva è stata stimata in appena 4000,00 mila euro? Poi, perché non avete notato neppure la truffa perpetrata dall’architetto che per stilare un capitolato di spesa peraltro gonfiato 10 volte, ha presentato ai condomini ed al signor Pietro, una fattura di 5000,00 mila euro, Lei li avrebbe pagati se si trattava del suo condominio? Lo sa Lei quale era la spesa prevista dalle tabelle legali, per stilare il capitolato su una spesa di 40.000,00 mila euro? Massimo, appena 800,00 Euro. Poi è stata richiesta dal mio amico Pietro, una Perizia Giurata, per verificare i lavori effettuati in seno al condominio, così avreste potuto appurare, che con quella spesa di 40.000,00 mila euro, i signori condomini con la complicità dell’amministratore, hanno ristrutturato anche gli interni dei loro rispettivi appartamenti, ed il fesso del mio amico Pietro, forzosamente ha contribuito a questa esosa spesa, infatti se verificate l’appartamento del mio amico è l’unico appartamento che non sono stati mai ristrutturati gli interni. Nulla di tutto ciò è stato fatto dalla Giustizia. Questa può definirsi assoluta negligenza, per non usare un'altra parola che potrebbe definire meglio questa situazione, di vera mala Giustizia.

Concludo, non La mortifico più di tanto, Dott. Giudice Cosimo D’Arrigo, un consiglio, revocate lo sciopero, niente aumento del personale, e buon Lavoro.

Il Ministro…

Ossequi Signor Ministro, nel caso dovesse avere bisogno del sottoscritto, sono a Sua completa disposizione.

Pietro Sabato, bolle dalla rabbia…

Voce Narrante

La trasmissione Reazione a Catena ha esaurito il suo ciclo estivo ed in coda è iniziata la Trasmissione l’Eredità condotta da Fabrizio Frizzi, di seguito i contenuti nella relazione del 3 Ottobre c.a.