Roma, 21 Luglio 2016, ore 10,40

Per Amadeus. Aggiornamenti in corso d’opera, tocca rileggere tutto, ti assicuro che si tratta di una vera opera d’arte...ovviamente sperando di quagliare presto e quindi di archiviare il tutto…

Ciao Pietro

Roma, 19 Luglio 2016 ore 21.05

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: RAI UNO - Trasmissione reazione a catena, condotta da Amadeus, a mezzo E- mail Dott. Giancarlo Leone.

C. P. C. : Direttore di Rai Uno Dott. Andrea Fabiano, E - mail diretta

Primo Oggetto: ebbene ricordare che oggi sono trascorsi 24 anni dalla strage di via D’Amelio dove il giudice Paolo Borsellino e la sua scorta furono vittime della mafia. Oggi la mafia è sottocontrollo dalle nostre Forze dell’Ordine, ma si spera in un prossimo futuro di sconfiggere anche le mafie minori, quelle in giacca e cravatta che fanno ugualmente man bassa dei portafogli delle minoranze.

Secondo Oggetto: riferimento Menù della serata odierna del 19 Luglio 2016:

Peli sulla lingua…lingua sciolta…Stadio… Dalla… Nuvolari…

Tibetano si, ma un Lama Putignanese doc…

Carissimo Amadeus, come annunciato nel primo oggetto, oggi è una data da non dimenticare, quindi è auspicabile sperare che anche altre mafie minori, vengano presto messe al bando e quindi debellate una volta per tutte. Principalmente sono quelle che non uccidono materialmente, ma che ugualmente con giacca e cravatta, impoveriscono i portafogli delle minoranze.

Commentando il secondo oggetto, devo ammettere che non ho mai avuto problemi nell’esprimere a tutto raggio il mio pensiero, meglio dire, di non avere avuto mai peli sulla lingua, coadiuvata da una buona dialettica.

Inoltre, mi è sembrato esagerato come autore di tanti scritti, essere stato paragonato al Grande Lucio, che scrisse una canzone ricordando il famoso Pilota di formula uno, Nuvolari.

Inoltre facendo riferimento al famosissimo pilota, è vero, me la cavo abbastanza bene alla guida di un’auto, ma preferisco essere un pilota di vita, infatti durante questi sedici anni di attività politica, ho segnalato moltissime soluzioni per vivere serenamente, cioè la prima regola dettata, è stata quella di avere un reciproco rispetto, che ancora non ho mai ricevuto.

Nota: consultando la rete, ho appreso che il grande Tazio Nuvolari era grande amico del noto regista Italiano, Michelangelo Antonioni, con il quale il sottoscritto (altra fatalità da evidenziare) nei lontani anni 70 - 80, quando Egli era ancora in Vita, ( Ferrara 29 Settembre 1912 – Roma 30 Luglio 2007) ho avuto il piacere di giocare a pin pong nel circolo tennis tavolo del Parioli, (il cui benefattore proprietario dei locali, il Dott. De Martini, lo stesso proprietario dell’Hotel Ping Pong di Ostia Lido, oggi gestito dalla Figliola Valentina.) Dopo questa parentesi di reminescenza storica, la rete racconta che il noto Regista Italiano, era amico di Tazio Nuvolari e di lui ha detto e scritto:

"Era un uomo che violentava la realtà e faceva cose che alla luce del buonsenso erano assurde... Per i giovani di allora, e io ero tra questi, Nuvolari rappresentava il coraggio, un coraggio senza limiti. Fu il mito, l'irraggiungibile". Data di nascita: Castel d’Ario 16 Novembre 1892 – Mantova 11 Agosto 1953 ( Ictus celebrale)

Tutto questo, mi sembra un sillogismo bello e buono, riferito al sottoscritto, e mi consola il fatto che Nuvolari non sia deceduto alla guida di un auto da corsa, perché, come sopra accennato a me piace la guida veloce, poi ci sono ulteriori mie affinità con il Grande Pilota, cioè, io non sono troppo alto, per non dire che sono basso di statura, ma è anche vero che ho qualche chilo di troppo, invece Nuvolari era magrolino, pesava appena 50 chilogrammi, ma poi si avvalora il fatto che è anche vero che di assurde stravaganze ne ho commesse parecchie nell’arco della mia vita, in parte raccontate nel mio libro sceneggiatura: Maccarolo… Politico da Sempre…, altre invece, tra le più stravaganti sono accadute in questi ultimi sedici anni di intensissima attività politica, che poi se messe tutte insieme possano effettivamente definirmi: “l’irraggiungibile” .

“Il Gatto è nero, il Prete è nero, il Prete è un gatto.

Carissimo Amadeus, concludo, grazie per i complimenti, ma preferisco restare con i piedi per terra, restando in attesa di ricevere finalmente questo ambito riconoscimento, un poco di Rispetto, tradotto in pollice indice ed un piccolo sproscetto, fa anche rima, così dicono dalle mie parti, cioè l’ambito fondo di Zio Nicolino e niente altro, troppo scomodo per ricevere gloria ed onorificenze.

Ciao, Pietro

P.S.: Carissimo Amadeus, a proposito di rispetto, che fino a questo momento è venuto a mancare nei miei confronti, cioè durante questi 16 anni di attività politica, come appena accennato, non ho mai ricevuto nessun encomio, neppure uno straccio di medaglia di cartone. Quindi, ebbene ricordare agli addetti ai lavori che la fine del mese è vicina, quindi come mi devo comportare? Devo in modo perpetuo stendere i panni sporchi, meglio dire, annunciare in ogni scadenza le mie credenziali e relativo e consueto Curricula Vitae? Cioè, ogni mese devo sbandierare ai quattro venti anche la stravagante notizia, quella, che il sottoscritto ad oggi ha fatto risparmiare alle casse dello Stato ben 540.000.0000,00 milioni di euro, facendo decurtare del 20% gli stipendi dei 9000 Magistrati fannulloni?

E l’amico di BRUSS direbbe: non sono mica brus colini. A tale proposito, in quest’ultimi mesi si sono fortemente criticati e condannati i fannulloni del cartellino facile, quindi abbiamo tutti evidenziato la pagliuzza nell’occhio altrui, ma non ci siamo accorti della trave che abbiamo nei nostri occhi, meglio dire la piaga del nuovo millennio che affligge noi tutti cittadini, cioè, dovendo analizzare il comportamento lavorativo secolare dei nostri 9.000 Giudici in carica sui libri paga del nostro ministero del Tesoro, la cui maggioranza è costituita da veri e propri fannulloni, sono più di 9.000 in carica stabile, oltre tutto devo evidenziare che per le cause minori sono coadiuvati da ben altri 4999 giudici di Pace, anch’essi nei libri paga del Ministero del Tesoro, che io escluderò dal conteggio seguente.

Quindi, per la centesima volta, carissimo Amadeus, ed invito anche tutti amici vicini e lontani della Rete, ricordando il noto presentatore Nunzio Filogamo, a prendere carta, penna, inchiostro, calamaio ed il pallottoliere del nostro avo Principe De Curtis, in arte Totò e facciamo insieme, così come Egli soleva esprimersi: è la somma che fa il totale.

Quindi, dobbiamo fare il seguente calcolo, basandoci su una reale possibilità, quindi escludiamo a priori, quella di ottenere la Luna nel Pozzo, invece presumiamo una situazione più vicina alla realtà, cioè, quella che ciascun Giudice fra tutti i 9.000, sui libri paga del ministero del Tesoro, dovesse per grazia ricevuta definire con imparzialità e saggezza Salomonica, una sola causa in otto ore di lavoro ben retribuite, cioè che non finisca in appello oppure in Cassazione, oppure nei polverosi scaffali del CSM, dove staziona perennemente, prima di essere rispolverata e rimessa nello suo stesso scaffale. Ebbene, secondo la matematica avremmo raggiunto un traguardo appagabile, in quanto, ben 9000 cause sarebbero state risolte in un solo giorno lavorativo, quindi ad oggi avendo nei nostri Tribunali un arretrato consistente di 9.000.000 milioni di cause, di cui 4.000.000 milioni di cause penali e 5.000.000 milioni di cause civili, quindi il conto è presto fatto, basterebbero soli 1000 giorni lavorativi per definire tutte le cause arretrate, cioè se dovessimo dividere le cause arretrate, 9.000.000 milioni, diviso 9000 mila le cause risolte in un solo giorno, otterremo un dividendo pari a soli 1000 giorni lavorativi per definire tutto l’arretrato giudiziario del nostro Paese, accumulato in 70 anni di Democrazia.

Quindi, dovendo essere pitagorici occorrerebbero due anni e 270 giorni, mi ripeto, per estinguere tutto l’arretrato giudiziario che abbiamo accumulato in 70 anni di Democrazia, la stessa che vige nelle repubbliche delle BANANE.

Quindi lascio a voi calcolare che se ogni Giudice ogni qualvolta che si fa giorno, quindi, dovesse in otto ore di lavoro definire in modo imparziale e ripeto Salomonico appena due cause al giorno, anzi di una sola, i giorni si dimezzerebbero in 500, per definire tutto l’arretrato di 9.000.000 milioni di cause inevase.

Carissimo Amadeus ed amici lettori ho forse commesso qualche errore? Sono pronto a subire ogni qualsivoglia conseguenza, se avessi offeso gli addetti ai lavori, facendo questi calcoli. Altro, oserei chiedere direttamente, alle Autorità a cui questa esauriente relazione è direttamente indirizzata, cioè, al Procuratore Generale della Procura di Roma, Dott. Giuseppe Pignatone, unitamente al Pubblico Ministero Dott. Giovanni Musarò, che spero risolva presto tutte le mie controversie pluri decennali espresse in oggetto, con esplicita domanda: è vero o non è vero che il sottoscritto è stato l’artefice che ha svelato ai quattro venti, questo gravissimo scandalo, con una esauritissima relazione di 39 pagine, divulgata il 19 settembre del 2014, consultabile nel sito web del partito, nella data predetta, che ha indotto, Francischiello II, Giorgio Napolitano, dopo un mese, esattamente nell’Ottobre del 2014, ha decurtare a Voi tutti Giudici lo stipendio del 20%?

Ebbene, è vero sono stato io, Pietro Sabato che indirettamente a Voi tutti Giudici Vi ho decurtato lo stipendio del 20%.

Consiglio, quindi, sarebbe utile fare un ripasso nel tempo.

Carissimo Amadesus, usami la cortesia di informarmi, se devo o meno prepararmi in merito.

Ciao Pietro

Roma, 20 Luglio 2016, ore 20,25

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: RAI UNO - Trasmissione reazione a catena, condotta da Amadeus, a mezzo E- mail Dott. Giancarlo Leone.

C. P. C. : Direttore di Rai Uno Dott. Andrea Fabiano, E - mail diretta

Oggetto: riferimento Menù della serata odierna del 20 Luglio 2016: fare uno strappo alla regola… e che finalmente si passi dal tramonto all’Alba di un nuovo giorno...

Cancellare la lavagna… e domani è un altro giorno…

Carissimo Amadeus, è inutile mettere altra carne al fuoco, questi battibecchi sicuramente non portano alla conclusione pacifica della vertenza, quindi spero di ben interpretare il messaggio subliminale di questa serata, cioè che ci conduca ad una nuova Alba, che dovrebbe portare fortuna, in quanto la città di Alba sono le iniziali del PM Eugenio Albamonte che grazie al mio fantomatico stratagemma, riuscì a liberare la Signora Schalabayeva e la sua figlioletta dalle prigioni del Kazakistan e riportarle in Italia sane e salve.

Concludo sperando che questo sia il messaggio subliminale che ci possa condurre al lieto fine di tutte queste mie tribolazioni decennali.

Ciao Pietro

Roma, 21 Luglio 2016 ore 20.21

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: RAI UNO - Trasmissione reazione a catena, condotta da Amadeus, a mezzo E- mail Dott. Giancarlo Leone.

C. P. C. : Direttore di Rai Uno Dott. Andrea Fabiano, E - mail diretta

Oggetto: riferimento Menù della serata odierna del 21 Luglio 2016: Calma e Gesso… Sacco… Denaro…Vago… Indiano… Capo…

Carissimo Amadeus, la calma è stata sempre la mia forza, purtroppo fermare il tempo è una situazione che ormai si è protratta in decenni, quindi è giunto il momento di smettere di giocare a fare gli indiani, cioè i vaghi, e definire presto il conquibus.

Concludo restando in attesa di conoscere fra quanto tempo è prevista la giusta soluzione.

Ciao Pietro

Roma, 24 Luglio 2016 ore 8,27 come di solito accade la relazione in allegato è stata ulteriormente aggiornata, meglio dire, rifinita. Ciao Pietro

Roma, 23 Luglio 2016 ore 20.43

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: RAI UNO - Trasmissione reazione a catena, condotta da Amadeus, a mezzo E- mail Dott. Giancarlo Leone.

C. P. C. : Direttore di Rai Uno Dott. Andrea Fabiano, E - mail diretta

Oggetto: riferimento Menù delle serate del 22 e del 23 Luglio 2016: del 22 il menù è stato costituito dalle seguenti parole: Parola di Lupetto, e quello della serata odierna, le maggiori parole sono state: Avere il Dono Della Sintesi…Viva la Faccia - Faccia di Bronzo… Grado… Capace… Svelto…

Carissimo Amadeus, in riferimento al menù del 22 Luglio u.s. cioè: parola di lupetto, mi basta la tua parola affinché io possa sperare di trovare un punto d’accordo, per definire le mie molteplici controversie, che nel caso non dovessi raggiungere una finale intesa vincente, mi sono attivato nel completare la nostra segreta relazione, ampliandola di una ulteriore pagina, che mi permetterà di riscattare la mia posizione di persona oltraggiata su tutti fronti, dai contenuti veramente sconcertanti e fortemente degradanti e diffamatori per le persone coinvolte, la cui relazione aggiornata evito di inviarti, per non arrecare un ulteriore patos in queste variegate vicende. Quindi spero che la Magistratura questa volta faccia il suo dovere. Inoltre, è vero, ho una dote innata della sintesi, ricordo di aver già raccontato questo episodio, comunque, repetita iuvant!

Quindi, ricordo che da piccolo, avevo appena quattro anni e per mia Madre Nicoletta, ero un punto d’orgoglio ogni qualvolta che veniva un ospite in casa. Mi faceva salire su una sedia per assumere un tono di prestigio e mi incitava a dire la solita poesia:

” Piccolo sono, nulla so dire, ma con quattro parole mi faccio capire.”

Quindi sono un oratore di vecchia data, cioè: Politico da Sempre…

Concludo sperando di definire al più presto questa via Crucis interminabile, inoltre hai ragione sono in grado di assolvere velocemente qualsiasi situazione e mettendoci sempre la faccia, e non come le facce di bronzo con cui ho dovuto lottare durante questi decenni, che hanno sempre negato le loro responsabilità.

Ciao Pietro e grazie per la Vostra vicinanza.

Roma, 25 Luglio 2016, mattino ore 8,15.

DA: Pietro

A: Amadeus

Aggiornamento in Nota, della relazione in alleato inviata ieri sera, una notizia inaspettata è trapelata dai telegiornali della rete SKY, quindi urge chiarimento.

Ciao Pietro

Roma, 24 Luglio 2016 ore 20.40

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: RAI UNO - Trasmissione reazione a catena, condotta da Amadeus, a mezzo E- mail Dott. Giancarlo Leone.

C. P. C. : Direttore di Rai Uno Dott. Andrea Fabiano, E - mail diretta

Oggetto: riferimento Menù della serata del 24 Luglio 2016: Uno su mille c’è la fa…Tratto… Colpo… Mercato…

Carissimo Amadeus, il detto uno su mille c’è la fa, è stato più volte annunciato da Voi come messaggio subliminale, ma purtroppo per quanto mi riguarda sono stato superato da milioni di fortunati, ed il mio turno non è ancora arrivato. Inoltre, facendo riferimento alla soluzione finale vincente di questa serata, avrei preferito la parola: CONCLUSO… Mercato. Quindi siamo lontani dal vero riferimento annunciato: Colpo … Mercato, che palesemente è riferito al mercato calcistico, ed il sottoscritto non è un calciatore in vendita, ma un discreto tennista. Che ve ne fate di un tennista di 74 anni? Posso solo sperare che il messaggio subliminale sia riferito ugualmente al sottoscritto e che quindi presumibilmente ci sia stata una fase preliminare di predisposizione all’acquisizione dei miei scritti.

Carissimo Amadeus, concluderei con la stessa frase ricorrente: ma quando si quaglia veramente? Perché è così difficile rispondere a questa semplicissima domanda?

Ciao Pietro

Nota del 25 Luglio 2016 ore 8,15

Verità… Verità… Verità… sete di verità.

Carissimo Amadeus ieri in tarda serata mi è sembrato di ascoltare una notizia abbastanza allarmante dai telegiornali della rete SKY, trattasi appunto delle nostre Procure che ogni anno accumulano ben 4000 cause inevase. Quindi bisognerà appurare se trattasi di un totale generale, oppure ciò accade in ognuna delle Procure dislocate in ogni capoluogo regionale. 25 Capoluoghi per 4000, trattasi di 100.000 cause ogni anno che vanno nel dimenticatoio.

Carissimo Amadeus se così fosse si annuncia una catastrofe immane, per le mie variegate controversie, quando arriverà il mio turno?

Datemi notizie valide, questa volta mettetecela tutta, per Voi tutti della Rai i mezzi non Vi mancano per avvalorare o meno questa notizia. Non mi costringete a fare uno dei tanti miei stravaganti sputtanamenti a mezzo comunicato ANSA.

Cioè, del tipo: “è vero o non è vero … che le nostre Procure… etc etc “

Inoltre vorrei sapere con certezza se le mie variegate cause corrono il rischio di restare ancora in preda degli acari negli scaffali della Procura di Roma. Penso non sia giusto tenere sulle spine una persona per così tantissimo tempo. Non sono bastati 16 anni 39 giorni, otto ore e quindici minuti di calvario politico per definire le mie variegate e molteplici controversie?

Ciao Pietro

Roma, 25 Luglio 2016 ore 20.30

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: RAI UNO - Trasmissione reazione a catena, condotta da Amadeus, a mezzo E- mail Dott. Giancarlo Leone.

C. P. C. : Direttore di Rai Uno Dott. Andrea Fabiano, E - mail diretta

Oggetto: riferimento Menù della serata del 25 Luglio 2016: Trattativa Segreta…Notizia di seconda mano…Fuoco di Paglia…Barba… Dispetto… Tiro…

Carissimo Amadeus, diventa sempre più difficile interpretare i Vostri messaggi, mi è sembrato di capire che la mia posizione è in una fase di una trattativa segreta. Per quanto riguarda i miei sospetti sulle Procure Italiane, se ho ben capito è stata una notizia di seconda mano, e quindi un fuoco di paglia. Infine la soluzione vincente mi suggerisce di essere stato vittima di un dispetto. Ma non ho capito in quale occasione.

Concludo, restando in trepida attesa di buone notizie, come ho interpretato, con l’opzione : Mano sul Fuoco, domanda: si vuole comunicare che le mie vertenze possano definirsi positivamente?

Ciao Pietro

Roma, 26 Luglio 2016 ore 20.12

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: RAI UNO - Trasmissione reazione a catena, condotta da Amadeus, a mezzo E- mail Dott. Giancarlo Leone.

C. P. C. : Direttore di Rai Uno Dott. Andrea Fabiano, E - mail diretta

Oggetto: riferimento Menù della serata del 26 Luglio 2016: Gola Secca… Acqua alla Gola…molti peli sullo stomaco… e darsi la carica… Passo… Lascio…

La Manna dal Celo…

Carissimo Amadeus, che dire, ormai sono appeso ad un filo di speranza, spero accada presto qualcosa di buono, la fine del mese è vicina, ed io non posso restare con le mani in mano ad aspettare la manna dal celo.

Ciao Pietro

Voce Narrante

La relazione in allegato sarà inviata agli addetti ai lavori se fra pochi giorni non saranno definite tutte le mie pluri decennali controversie.

Roma, 27 Luglio 2016 ore 20.42

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: RAI UNO - Trasmissione reazione a catena, condotta da Amadeus, a mezzo E- mail Dott. Giancarlo Leone.

C. P. C. : Direttore di Rai Uno Dott. Andrea Fabiano, E - mail diretta

Oggetto: riferimento Menù della serata del 27 Luglio 2016: Avere l’anello al Naso…Il difetto sta nel manico… Educazione…Pozzo di Scienza…Posto da Favola…Primo Posto… Ultimo Stadio… Maestro… Principale… Consolare…

Carissimo Amadeus, oggi c’è da sbizzarrirsi con le diverse opzioni, espresse in oggetto, spero siano tutte positive per il mio futuro. Interpretare i primi due messaggi subliminali è stato facile, cioè, nulla si può contro chi fa finta di avere l’anello al naso, meglio dire, chi ha i prosciutti agli occhi e quindi non vede il male che fa al prossimo.

Altro, per quanto riguarda l’educazione, in questi sedici anni di intensissima attività politica, credo di essere stato abbastanza educato nell’esprimermi, ma se alcune volte non ho visto alcun barlume di luce per definire le mie molteplici controversie, per via di forza maggiore ho dato adito alle mie doti di oratore, e buonanotte al secchio, e come si suol dire, a chi tocca non si arrabbi.

Inoltre, sono curioso di sapere a cosa è riferito un Posto da Favola ed ottenere il primo posto. Magari!

Concludo, infine sono consapevole di essere all’ultimo stadio di questo lunghissimo percorso, l’unica mia speranza è quella di trovare presto la strada maestra, quella consolare della serenità.

Ciao Pietro